ZenZero

PEN SPACE

Ne vale la penna

Quiet day

𝑻𝒖𝒕𝒕𝒂 𝒍'π’Šπ’π’‡π’†π’π’Šπ’„π’Šπ’•π’‚Μ€ 𝒅𝒆𝒍𝒍'π’–π’π’Žπ’ π’‘π’“π’π’—π’Šπ’†π’π’† 𝒅𝒂 𝒖𝒏𝒂 𝒄𝒂𝒖𝒔𝒂 𝒔𝒐𝒍𝒂: 𝒏𝒐𝒏 𝒔𝒂𝒑𝒆𝒓 𝒔𝒕𝒂𝒓 π’’π’–π’Šπ’†π’•π’ π’Šπ’ 𝒖𝒏𝒂 𝒔𝒕𝒂𝒏𝒛𝒂 - Blaise Pascal


R.Magritte, La corde sensible



Allora, quando arrivΓ² l'ordine della chiusura, ci sembrΓ², a tutti, una prigionia insopportabile.Β 

Cantavamo dai balconi echi di melodie note e le parole, ricordate a pezzi,Β  diventavano echi di tutte le nostre dimenticanze.Β 

Improvvisamente, ai milioni di soli che eravamo, chiusi nelle gabbiette degli uffici e in quelle delle routine rassicuranti di ciascuno, che annusavano l'aria a comando e amavano a tempo negli interstizi del calendario, cadde la benda dagli occhi. Vedemmo, tutti, di botto, che eravamo disumanati. Ali immemori del volo. Senza la difesa di filtri costruiti, così spesso comprati a buon mercato, straniati da una libertà non riconosciuta. 

Ma la primavera sapeva di pane e il tempo tornava da lontano.Β 

Surrogavo il camminare quieto senza dovere percorrendo con gli occhi l'orizzonte, dove il pensiero crea tempi e spazi e voci eΒ  vive tutti i miliardi di possibili esistenze.

Nella perfezione del tempo che sa ogni istante quanto deve durare, fatti i conti con la paura, i pochi spicci eΒ  con l'inutile misura dell'incertezza, fui spoglia e benedetta come un albero pronto a rinverdire.Β 

E così tra molti anni, quando ripenserò a oggi, mi sembrerà di averlo atteso per anni. Come ora mi sembrano anni che attendo  a 20 km di distanza sahariana, il mare laggiù, assetata di luce. 


Β©V. P. 11-4-2020



15 visualizzazioni

ZenZero Editore - P.Iva 02626260695

  • Black Facebook Icon
  • YouTube Icona sociale
  • Twitter Icon sociale